Stato di Sao Paulo

Lo stato economicamente più ricco del Brasile, quello che è diventato, a tutti gli effetti, la vera locomotiva industriale del paese. A fare da traino l'industria petrolifera

Ecco uno stato per parlare del quale il vero sforzo è moderare l'entusiasmo. È innegabile che lo Stato di Sao Paulo sia quello che ospita le imprese più importanti del Brasile, alcune delle località più belle da vedere e i contrasti più profondi. La città di Sao Paulo sta ormai diventando la vera capitale culturale, commerciale finanziaria del paese, con Rio quasi esclusivamente concentrata sul turismo e Brasilia a ricoprire un ruolo quasi solo amministrativo e governativo. Per chi decide di lavorare in Brasile e di fare business con il grande paese sudamericano, Sao Paulo è ormai il vero punto di riferimento.

Certo, oltre agli affari, sono indubbiamente anche le bellezze naturali a costituire motivo di interesse per molti viaggiatori: imperdibili alcune delle più belle spiagge del sud, abbracciate da montagne ricche di foreste tropicali; la Serra da Montiqueira, l'antica e meravigliosa Iporanga; per non parlare della stessa Sao Paulo città con le sue meraviglie e le sue infinite possibilità di divertimento.

Un pò di storia: quella di questo stato, come quella di molti altri stati brasiliani, ha avuto inizio grazie alle piantagioni di canna da zucchero. Fu proprio in questo stato che venne creata la prima colonia permanente portoghese delle Americhe: Sao Vicente. Però la presenza di molte montagne rese inferiore l'estensione di terreni coltivati rispetto ad altre zone; questo fu il motivo per cui, anche se sembra strano, questa regione rimase quasi depressa per tutto il XVIII secolo.

Due, in particolare, furono i gruppi sociali possiamo dire fondamentali per lo sviluppo della regione: i gesuiti e i bandeirantes. I primi, a metà del '500, si insediarono esattamente nella zona che, successivamente, sarebbe stata quella su cui sorse Sao Paulo. I secondi erano faccendieri senza scrupoli che effettuavano scorribande con la finalità di ridurre in schiavitù quanti più indigeni possibile.

Fu invece nel XIX secolo che i produttori di zucchero scoprirono quello che sarebbe diventato il loro nuovo "oro" e cioè il caffè. Fu allora che la coltivazione di questa vera manna divenne quasi estensiva e, con la costruzione della ferrovia costiera, assunse enorme importanza commerciale. Questa improvvisa ricchezza fu anche la causa dell'arrivo di molti europei. Perché? Ma perché i proprietari terrieri avevano bisogno di manodopera, essendo nel frattempo stata abolita la schiavitù.

san paolo brasile

La classe imprenditoriale di Sao Paulo si dimostrò capace di far fronte alle mutate condizioni economiche proprio in occasione del crollo dei prezzi del caffè: fu in quel momento che, anziché lasciarsi abbattere dalla difficoltà, capì che era il casi di differenziare gli investimenti. Siamo alla metà del XIX secolo e Sao Paulo diventa la locomotiva industriale del paese, grazie soprattutto alle industrie automobilistiche. Sao Paulo divenne anche un importante fulcro dal punto di vista politico, in particolare come fucina di un forte sindacato, figlio dei movimenti indipendentisti della prima metà del secolo e protagonista dell'opposizione al regime militare che, tra il 1960 e il 1980, terrorizzò il paese.

L'importanza e la supremazia economica dello Stato di Sao Paulo è oggi più che mai confermata e sono anche i numeri a dirlo: basti pensare che questo stato, da solo, contribuisce alla ricchezza del paese con oltre il 34% del PIL. E volano per l'economia del futuro, sarà sempre più il settore petrolifero. Per quanto riguarda le infrastrutture possiamo dire che Sao Paulo sia indubbiamente il più importante hub aeroportuale del Brasile: il suo scalo di Guarhulos è collegato al resto del mondo con voli diretti garantiti da decine e decine di compagnie aeree internazionali.




Scrivici se hai domande o commenti sul lavoro in Brasile

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento