Cucina e prodotti brasiliani

La cucina brasiliana vive di tantissime influenze, come è normale che sia per un paese in cui si è avuto un vero mix di genti e culture. Ci sono sapori europei, africani e mediorentali in questa cucina ricca e diversa a seconda delle regioni

Una cucina, quella brasiliana, fatta di tante influenze e tradizioni, sapori e ingredienti: una cucina che è un mix di Europa ed esotico, di Africa e prodotti tipici del Sudamerica. Per parlare della cucina e dei prodotti brasiliani sarebbe forse meglio partire dall'ampiezza del paese che, per questo motivo, ha una serie di cucine regionali più che un'unica cucina nazionale: Certo, vi sono in tutte queste cucine, degli elementi comuni; ma ciascuna di esse ha le sue specificità e particolarità. Ovviamente anche per la cucina brasiliana è forte la presenza europea, retaggio del colonialismo e che ha lasciato, come tradizione, l'uso massiccio dell'olio d'oliva. Altrettanto ovviamente è forte l'influenza africana.

Ma se queste sono le influenze predominanti non si può dimenticare come nella cucina brasiliana vi sia posto per sapori che arrivano anche dal medioriente. Ciò che è innegabile è il fatto che la cucina per i brasiliani sia qualcosa che va al di là del cibo ma che divenga occasione di socialità e festa. la cucina fa quindi parte integrante della cultura e dell'animo brasiliani.

Cominciamo una carrellata sulla cucina brasiliana e sui suoi prodotti principali. La base della cucina carioca possiamo individuarla nel mais, nei fagioli e nel riso. Ma una incredibile ricchezza la si trova nella frutta e nella verdura; talmente ricche che, alcune di loro, da noi sono ancora sconosciute. Oltre ai famosi papaya e mango, troviamo i meno noti cupuacu o l'acai una bacca ricchissima di vitamine. Tra i prodotti tipici non possiamo dimenticare la frutta secca: e anche qui le varietà sono tantissime, ben oltre le note arachidi o anacardi. Di "sapore" africano troviamo l'olio dendè, che si ricava da una palma e che viene utilizzato moltissimo, anche se meno dell'olio d'oliva.

la cucina brasiliana usa anche molti tuberi e radici come la manioca e l'ihname simile, per certi aspetti alla patata. Ma, oltre a questi prodotti, usati più o meno in tutte le cucine regionali brasilane, troviamo anche dei piatti particolarmente popolari e diffusi: uno dei più conosciuti è la feijoada a base di faagioli e carni. Il fagiolo, come dicevamo, la fa da padrone in molti piatti come il tutu de feijao fatta con farina di manioca. Tipico della cucina brasiliana è una sorta di insaccato chiamato chourico, a base di salsiccia di maiale.
Famosi e tipici i salgadinhos simili ai nostri panzerotti che possono avere un ripieno sia di carne sia di pesce; gustosa la coxinha fatto con pollo e spezie impanate nella farina e fritte.

cucina brasiliana

Quello che si può fare, per spiegare un pò la cucina brasiliana, è dividerla per zone. In base a questa divisione si può parlare della cucina del nord, per esempio, in cui è molto forte l'influenza indigena delle popolazioni che qui vivevano ben prima dei portoghesi. Un prodotto tipico di questa parte del paese è il tucupi, una specie di brodo che costituisce la base di diversi piatti. Più elaborato il manicoba a base delle velenose foglie di manioca: proprio questa velenosità rende necessaria una particolare attenzione nella bollitura delle foglie stesse, poi unite a diversi tipi di carne.
La cucina del Nordest vede una enorme ricchezza di frutta e verdura e di piatti a base di riso e le zuppe; tra le più popolari il quibebe o il vatapà fatto con gamberetti, aglio e latte di cocco. Tipico del nordest del Brasile la pamonha una pasta che, a differenza del resto del paese in cui è prevalentemente salata, qui è quasi sempre dolce: si tratta di mais, latte e foglie di granturco.
Nella cucina del sudest, a parte i soliti fagioli, davvero celebre è il virado a paulista fatto di braciole di maiale, salsiccia, couve (tipo di spinacio), uova a cui viene aggiunta anche la banana fritta. Si tratta di un piatto davvero molto carico. Un pò più leggero è il tipico frango com quiabo, una sorta di pollo con verdure.

Chiudiamo questo rapido viaggio in alcune delle caratteristiche della cucina brasiliana parlando di alcune bevande. In Brasile, vista anche la ricchezza di frutta, si trovano molti succhi; sebbene non all'altezza di quelli cileni, si comincia a bere anche del buon vino, in particolare i merlot e i cabernet sauvignon. Il liquore forse più diffuso in Brasile è la cachaca, ricavata dalla canna da zucchero e usata come base per un altro mito tra le bevande brasiliane e cioè la caipirinha.





Scrivici se hai domande o commenti sul lavoro in Brasile

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento